spacer.png, 0 kB

Galleria Immagini

     

Calendario

Gennaio 2021
S M T W T F S
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
Dettagli

Statistiche

Visite oggi: 3
Visite ieri: 32
Visite mese corrente: 992
Visite totali: 153519
Max. visite mensili: 3323
Pagine viste oggi: 43
Pagine viste ieri: 211
Pagine mese in corso: 5049
Pagine totali: 1495741

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
Home arrow L'Associazione
Fredegarius PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
sabato 23 dicembre 2006
Indice articolo
Fredegarius
Pagina 2

 

FREDEGARII SCHOLASTICI CHRONICUM CUM SUIS CONTINUATORIBUS,
SIVE APPENDIX AD SANCTI GREGORII EPISCOPI TURONENSIS HISTORIAM FRANCORUM.














...

AN. DCXVI. Anno 33 regni Chlotharii Warnacharium majorem domus cum universis pontificibus, sed et Burgundaefarones Bonogelo villa ad se venire praecepit, ibique cunctis illorum justis petitionibus annuens, praeceptionibus roborat.


XLV. Langobardorum gens quemadmodum tributa duodecim millia solidorum ditioni Francorum annis singulis dissolvebant, referam; vel quo ordine duas civitates, Augustam et Siusium cum territoriis a parte Francorum cassaverant, non abscondam. Defuncto Clep ipsorum principe, duodecim duces Langobardorum duodecim annis sine regibus transigerunt. Ipsoque tempore, sicut supra scriptum legitur, per loca in regnum Francorum proruperunt; pro ea praesumptione in compositione Augustam et Siusium civitates cum integro illorum territorio et populo, partibus Guntchramni tradiderunt. Post haec legationem ad Mauricium imperatorem dirigunt; ii duodecim duces singulos legatarios destinant, pacem et patrocinium imperii petentes. Iidemque et alios legatarios duodecim ad Guntchramnum et Childebertum destinant, ut patrocinium et defensionem Francorum habentes, duodecim millia solidorum annis singulis his duobus regibus in tributa implerent, vallem cognomento Ametegis partibus Guntchramni cassantes, ut his legatis, ubi plus congruebat, patrocinium sibi firmarent. Post haec integra devotione patrocinium eligunt Francorum. Nec mora, post permissu Guntchramni et Childeberti Autharium ducem super se Langobardi sublimant in regno. Alius Autharius idemque dux, cum integro suo ducatu se ditioni radidit imperii, ibique permansit, et Autharius rex tributa quae Langobardi ad partem Francorum spoponderant, annis singulis reddidit. Post ejus discessum filius ejus Ago, in regnum sublimatus, similiter implesse dignoscitur.

XLV. Racconterò in qual modo i Longobardi abbiano versato ogni anno un tributo  di 12.000 soldi ai Franchi, e non nasconderò in che modo avevano perduto 2 città, Augusta e Siusio con i loro territori, a vantaggio dei Franchi. Dopo la morte del loro re Clefi, i dodici duchi longobardi passarono dodici anni senza re. In quello stesso tempo irruppero nel territorio del regno dei Franchi, come si legge scritto sopra.

Per aver osato ciò, consegnarono in riconciliazione al re Gontrano, le città di Augusta e di Siusio con l'intero  territorio e popolo. Dopo queste cose mandarono un'ambasceria all'imperatore Maurizio. Ognuno dei dodici duchi manda un ambasciatore che chieda pace e protezione all'impero.

E gli stessi mandarono altri dodici ambasciatori a Gontrano e Childeberto, per avere la protezione e la difesa dei Franchi, soddisfavano i due re con tributi di 12.000 soldi l'anno, cedendo a Gontrano la valle chiamata Ametegis per rafforzare la protezione per se stessi, tramite questi ambasciatori, dove più conveniva.

Dopo queste cose scelgono con intatta devozione la protezione dei Franchi. Senza indugio, col benestare di Gontrano e Childeberto, i Longobardi innalzano sopra sè come re Autari. Un altro Autari anche duca si sottomise all'autorità dell'impero con  tutto il suo ducato e così rimase, e il re Autari restituì anno per anno i tributi che i Longobardi avevano versato ai Franchi. Si sa che dopo la sua dipartita suo figlio Ago, innalzato al trono del regno, si comportò similmente.

 
AN. DCXVII. Anno 34 regni Chlotharii, legati tres nobiles ex gente Langobardorum Agiulfus, Pompegius, et Gauto, ab Agone rege ad Chlotharium regem destinantur, petentes ut illa duodecim millia solidorum, quae annis singulis Francorum aerariis dissolvebant, debuissent cassari, exhibentes ingeniose secretius tria millia solidos, ex quibus Warnacharius mille, Gundelandus mille, et Chucus mille acceperunt: Chlothario vero triginta sex millia solidorum insimul exhibebant. Quare consilio suprascriptorum, qui occulte exeniati fuerant, Chlotharius ipsa tributa a parte Langobardorum cassavit; et amicitiam perpetuam cum Langobardis sacramentis et pactis firmavit.


AN. DCXVIII. XLVI. Anno 35 regni Chlotharii Bertethrudis regina moritur, quam unico amore dilexerat Chlotharius, et omnes leudes bonitatem ejus cernentes vehementer amaverant.

...


Per il testo integrale in latino vedere il sito:

http://www.thelatinlibrary.com/fredegarius.html



Ultimo aggiornamento ( lunedě 05 febbraio 2007 )
 
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB