spacer.png, 0 kB

Calendario

Gennaio 2019
S M T W T F S
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
Dettagli

Statistiche

Visite oggi: 3
Visite ieri: 34
Visite mese corrente: 437
Visite totali: 119823
Max. visite mensili: 3323
Pagine viste oggi: 53
Pagine viste ieri: 91
Pagine mese in corso: 1631
Pagine totali: 1280919

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
Home arrow Documenti arrow Archivi Documentali arrow Approfondimenti e curiosità
Approfondimenti e curiosità
Scritto da Administrator   
domenica 12 agosto 2007

 

Raccolta di articoli tratti dalla stampa locale e on-line


1919. I Fratelli Pietro Ernesto (1889), Alessandro (detto "Cadorna",  1892) e Luigi (1899) BAUDISSARD da MENTOULLES (TO), frequentarono il territorio mattiese e vissero per oltre un anno - compreso un rigido ed innevato inverno - in un riparo sotto roccia sulla montagna sovrastante la Frazione Giordani di Mattie. Il riparo dei Fratelli Baudissard sulla montagna di Frazione Giordani di MATTIE(TO)Il riparo, poco più di un'ansa sotto una roccia in posizione strategica sul dirupo e  valletta sottostante, è ancora oggi ricordato come "Barma Bodisart" (Riparo dei Baudissard). In quello stesso luogo, 25 anni più tardi, nella notte del 28 dicembre 1944 vi fu un feroce scontro tra partigiani della 35a Compagnia Alpini e soldati tedeschi. Ma torniamo ai Baudissard. Pietro Ernesto, il più anziano dei tre, nel gennaio 1918 sposò Ida Maria FAVRO (1891-1947) nativa della borgata di Mattie in cui nell'ottobre 1918 nacque anche il loro figlio Silvino Amabile. La storia dei 3 fratelli nella memoria degli anziani del luogo ha dell'epico: si racconta che per far perdere le loro tracce lungo le mulattiere innevate, da esperti ciabattini avevano inchiodato sotto i propri zoccoli/scarponi le suole al contrario (mentre salivano le loro orme apparivano come fossero discesi su quello stesso percorso) e c'è chi ricorda che riuscivano a portare a spalla ad oltre un'ora di cammino dalla carrozzabile di Frazione Giordani al loro rifugio, un sacco di farina da 100 kg. sulle spalle. La loro storia, oggi sfrondata dalla retorica che a piene pagine riempiva le cronache dei giornali d'allora, e ricostruita con spirito critico, rimane assai emblematica.

Si riporta qui una collezione di documenti disponibili in rete raccolti da varie fonti:

1) di Giorgio Jannon, "Banditi, briganti, rapinatori per le strade valsusine ", in "Cronache di Ieri", "il Corriere magazine, pagg. 60-61;

2) di Loris, "La Banda Baudissard, frammenti di vita randagia ", in Nunatak21 pagg. 41-50;

3) Albero genealogico della famiglia d'origine e i legami con la famiglia FAVRO di Mattie;

4) Quebeuls: La Famille Croquignard storia a fumetti realizzata dal famoso disegnatore d'oltralpe, sulla base di ricerca storica sulla famiglia.

5) "Alessandro Baudissard detto Cadorna su "Canaveis";

6) Recensione del libro di Roberto GREMMO "Gli ultimi briganti delle Alpi"

 

 
23 luglio 1983, Ettore Patria, in La Valsusa n° 30, Antichi toponimi della Comba di Susa
 

 

18 giugno 1998, Alessia Giorda, in La Valsusa n° 24, Il Castello di Menolzio nel futuro dell'Orsiera

14 dic 1989, Baldizzone-Baratta-Croce, in La Valsusa n° 47, Torre di Mattie, un tranquillo rifugio (ADSL pdf, 2.954,67 Kb oppure: PSTN pdf, 1.242,22 Kb)


Ultimo aggiornamento ( luned́ 30 maggio 2016 )
 
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB