spacer.png, 0 kB

Calendario

Maggio 2017
S M T W T F S
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
Dettagli

Statistiche

Visite oggi: 0
Visite ieri: 8
Visite mese corrente: 519
Visite totali: 105461
Max. visite mensili: 3323
Pagine viste oggi: 20
Pagine viste ieri: 301
Pagine mese in corso: 16310
Pagine totali: 1068663

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
Novalesa, Rinaldo Fassino, Lou Manheunh (lo Stagnino) PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
domenica 25 gennaio 2015

Rinaldo FassinoNovalesa, 24 gennaio 2015. L'Amministrazione comunale ha organizzato un corso per apprendisti "Stagnini", o Manheunh, come si diceva in area Francoprovenzale: artigiani ambulanti che arrivavano in paese e offrivano il loro servizio per trattare paioli, tegami, pentole, casseruole, mestoli di rame.

I recipienti di rame infatti, un tempo erano assai diffusi. Oggi l'acciaio inox ne ha preso il posto, anche se nelle cucine di livello le pentole di rame sono preferite perché permettono maggior precisione nel controllo della cottura.

Per poter essere utilizzati sia per la cottura che per la conservazione dei cibi, venivano "stagnati", cioè fatti ricoprire nella parte interna da un sottile strato di stagno.

Il rame infatti, si ossida facilmente producendo un composto che, se ingerito, è dannoso per la salute.

Solo il paiolo utilizzato per la polenta non è stagnato.

Ecco allora che i paioli, un tempo particolarmente utilizzati per la conservazione del latte, per produrre in casa burro e tome, ma anche casseruole e tegami di diverse misure, passavano per le mani di questi abili artigiani.

Attrezzati con forgia ed incudine portatile, tenaglie, acido muriatico, bacchette di stagno e alcuni tipi diversi di martelli, giravano per le nostre borgate fermandosi il tempo necessario per esaurire le richieste. Arrivavano all'ingresso della borgata e gridavano "Ehh Magniiinnn, Ehh Magniiiin!!" e le signore accorrevano portando loro i recipienti da risistemare.

stagninatura by Rinaldo Fassino Ovviamente è un mestiere che, come altri, sta scomparendo. Sulle piazze di fiere e mercati è difficile ottenere la concessione per il plateatico perché alcune operazioni sono inquinanti e pericolose (uso dell'acido muriatico e della fiamma libera). Ai tempi tali rischi erano considerati ordinari, giustificati dalla necessità ma soprattutto amministrati dal buon senso.

Ottima l'iniziativa dell'Amministrazione novalicense di offrire l'opportunità per gli estimatori delle arti manuali d'un tempo di cimentarsi sul campo!

Oltre una decina di persone interessate, con età dai 35 ai 70 anni, hanno assistito alla dimostrazione pomeridiana di Rinaldo FASSINO, classe 1942, originario di Locana (TO) ma residente a Cuorgné, che è venuto a Novalesa per tenere il corso e dimostrare la sua arte.

 E' disponibile uno spezzone video dell'attività.

Ultimo aggiornamento ( domenica 25 gennaio 2015 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB